La ASD Giulianova Annunziata – ASD Atri. 3 – 0.

18 Febbraio 2019

Domenica 17 febbraio, la ASD Giulianova Annunziata di Walter Piccioni ha ospitato in casa la ASD Calcio Atri per la quinta giornata del girone di ritorno e ventiduesima di campionato.

Al ’16 pt per un fallo da ultimo uomo, il direttore di gara assegna un rigore per l’Annunziata, con conseguente cartellino rosso per Massimo Angelozzi, il giocatore del Calcio Atri. Il rigore battuto da Mattia Addazzi porta in vantaggio i padroni di casa, 1 a 0.

Al ’33 pt, un altro rigore per l’Annunziata, battuto di nuovo da Mattia Addazzi che raddoppia il vantaggio. Il rigore è contestato dagli ospiti, soprattutto dopo il secondo cartellino rosso per Tancredi Piero, che ha portato la ASD Atri non solo in ulteriore svantaggio, ma in un’ inferiorità numerica molto pesante, rimangono in 9 per il resto della gara. Forse eccessiva la decisione dell’arbitro, che ha agito da regolamento, ma come altre volte non siamo qui a giudicare le decisioni arbitrali (così come non l’abbiamo fatto nel girone dell’andata per un rigore a nostro sfavore).

Non appena è ripartito il gioco, al ’34 pt Simone Dezi crea un’ottima occasione portando la palla in fondo al campo e passandola nell’area di rigore dove Gianluca Campanella ha concluso l’azione con un bel tiro in porta imparabile per il portiere dell’Atri. La ASD Giulianova Annunziata va in triplo vantaggio.

Finisce il primo tempo con 3 a 0 per i padroni di casa.

Per tutto il secondo tempo il risultato non cambia: alcune occasioni per l’Annunziata, altre per l’Atri, ma nessuna palla finita in rete. Nonostante l’inferiorità numerica, che poteva mettere in crisi lo stato d’animo dei giocatori dell’Atri e qualche nervosismo in panchina e in campo (comprensibili), l’allenatore dell’Atri Italiani Umberto riesce ad adeguare il modulo della sua squadra alle condizioni createsi, in modo che l’Atri è rimasto in campo competitivo e senza concedere troppo ai padroni di casa.
La gara finisce con un 3 a 0 per la ASD Giulianova Annunziata.

Uno dei momenti da definire belli ad ogni partita forse è il fischio d’inizio, quando tutto è ancora “da disegnare”, da giocare e da sognare è quindi le strette di mano, l’aria amichevole. Poi, a prescindere dal risultato, è salutarsi a fine gara sempre con strette di mano fra i giocatori: padroni ed ospiti, nonostante qualche comprensibile sfogo, il momento che esalta la sportività che va oltre a quel retangolo, con pacche sulle spalle tra avversari e qualche abbraccio da buoni amici… Le squadre sono fatte innanzitutto dagli uomini, per poi in campo essere giocatori, degli avversari con i loro caratteri, personalità e qualità. Auguriamo un buon proseguimento del campionato ad entrambe le squadre! Il girone di ritorno è ancora tutto da vivere…

Copyright 2016 - A.S.D. Giulianova Annunziata